Informativa sui cookies

Caritas Diocesana Gorizia

Che cos’è?

La Caritas diocesana di Gorizia è un organismo pastorale dell’Arcidiocesi di Gorizia istituito dall’Arcivescovo nel 1981 ed è espressione dell’impegno della Chiesa di Gorizia nella testimonianza della solidarietà verso le persone svantaggiate, per lo sviluppo dell’uomo, la giustizia sociale e la pace.

L’articolo 1 dello Statuto recita:

La Caritas diocesana è l’organismo pastorale istituito dal Vescovo al fine di promuovere la testimonianza della carità nella comunità ecclesiale diocesana e delle comunità minori, specie parrocchiali, in forme consone ai tempi e ai bisogni, in vista dello sviluppo integrale dell’uomo, della giustizia sociale e della pace, con particolare attenzione agli ultimi e con prevalente funzione pedagogica.

 La Caritas diocesana è lo strumento ufficiale della Diocesi per la promozione e il coordinamento delle iniziative caritative e assistenziali.

La Caritas Diocesana, quindi, ha lo scopo di favorire il cambiamento del modo di pensare e di vivere della comunità cristiana, passando da: una solidarietà vissuta singolarmente ad una testimonianza comunitaria della carità, da una solidarietà episodica ad uno stile di carità capace di ascoltare e accogliere ogni giorno il grido dei poveri, da una solidarietà pronto soccorso, che cura le ferite della società ad una carità che sa anche riconoscere e sradicare le radici della povertà e dell’ingiustizia.

Concretamente compito della Caritas diocesana è di:

  1. proporre iniziative concrete di solidarietà perché la carità sia l’anima della vita della diocesi, delle parrocchie, delle famiglie, dei gruppi e di ogni singola persona;
  2. formare e sostenere le Caritas parrocchiali e decanali;
  3. coordinare le iniziative e le opere caritative ed assistenziali delle parrocchie e degli enti di ispirazione cristiana;
  4. realizzare studi e ricerche per scoprire i bisogni presenti sul territorio diocesano, individuarne le cause e stimolare l’intervento sia legislativo che operativo delle istituzioni civili;
  5. promuovere opere-segno cioè iniziative, servizi, strutture, progetti gestiti da operatori e volontari che costituiscono la risposta della comunità cristiana ai vari bisogni rilevati nel territorio;
  6. realizzare interventi di emergenza in caso di pubbliche calamità, in collaborazione con altri organismi di ispirazione cristiana e laica.