Una NUOVA CASA per CARITAS DIOCESANA

Nella vicinanza ai poveri, la Chiesa scopre di essere un popolo che, sparso tra tante nazioni, ha la vocazione di non far sentire nessuno straniero o escluso, perchè tutti coinvolge in un comune cammino di salvezza. La condizione dei poveri obbliga a non prendere alcuna distanza del Corpo del Signore che soffre in loro. Siamo chiamati, piuttosto, a toccare la sua carne per coprometterci in prima persona in un servizio che è autentica evangelizzazione. La promozione anche sociale dei poveri non è un impegno esterno all’annuncio del Vangelo, al contrario, manifesta il realismo della fede cristiana e la sua validità storica“.

Così papa Francesco nel suo messaggio per la terza Giornata mondiale dei poveri in programma domenica 17 novembre. Parole che indicano anche le motivazioni delle iniziative con cui la Caritas diocesana inaugurerà sabato 9 novembre la propria nuova sede operativa nei locali dell’Istituto “Contavalle” in via Garzarolli 131 a Gorizia; una giornata che segnerà anche la conclusione del primo lotto di lavori che nei mesi trascorsi hanno interessato la struttura grazie al sostegno dell’8xmille della Cei.

Due gli appuntamenti in programma:

  • In mattinata, alle ore 11, si svolgerà la cerimonia di intitolazione della sede all’arcivescovo Pietro Cocolin; a questo momento sono stati significativamente invitati innanzitutto quanti quotidianamente usufruiscono dei servizi Caritas diocesana: gli ospiti dei dormitori di Gorizia e Monfalcone, quanti bussano alla porta dei Centri di ascolti o sono “clienti” degli empori della solidarietà… Alla presenza delle autorità, dei rappresentanti delle altre Caritas del Triveneto e di chi sostiene attivamente in vario modo l’opera caritativa diocesana, dopo gli interventi dell’arcivescovo Carlo e del direttore della Caritas, diacono Renato Nucera, verrà presentato il video realizzato per il periodo di Avvento e che testimonia alcune fra le più significative iniziative in cui la Caritas diocesana stessa è impegnata.
  • Nel pomeriggio, alle 15.30, sono attesi in modo particolare i volontari dei gruppi Caritas e dei Centri di ascolto parrocchiali, gli operatori pastorali, ma anche i componenti dei Consigli parrocchiali per gli affari economici: ad essi (oltre alla proposta del video del mattino) saranno illustrate le opere rese possibili in diocesi grazie al sostegno dell’8xmille ed anche le iniziative che fanno  e faranno riferimento all’istituto “Contavalle”. Il programma prevede gli interventi del vescovo Carlo, del diacono Renato, di don Stefano Goina (presidente della Fondazione “Contavalle”) e di Paolo Cortellessa, dell’ufficio “Servizio per la promozione del sostegno economico alla Chiesa cattolica” della CEI. Le musiche e le coreografie dei “Tubi innocenti” accompagneranno il pomeriggio offrendo spunti di meditazione a tutti i presenti.

Tutte le iniziative sono realizzate in collaborazione con il settimanale “Voce Isontina” ed avranno un ‘appendice martedì 26 novembre quando, al mattino, il tema del “Comunicare la solidarietà” sarà al centro di un incontro organizzato da Voce Isontina e dalla Caritas diocesana in collaborazione con la sede goriziana dell’Università degli studi di Udine.

 

da Voce Isontina del 5 Novembre 2019